Vendere Casa tramite Agenzia

0 Comments

Vendere Casa tramite Agenzia:

Come in tutti i settori, ci sono professionisti bravi e professionisti meno bravi, etici e meno etici, professionali e meno professionali.

E’ nella natura umana ma fare di tutta l’erba un fascio è sempre un errore.

I PORTALI NON SOSTITUISCONO LE AGENZIE

La diffusione degli annunci immobiliari online, ha creato l’illusione che il lavoro dell’agente immobiliare non sia più indispensabile in quanto, oramai,gli annunci sono visibili online a tutti e non sono solo appannaggio delle agenzie immobiliari.

Ma il lavoro dell’agente immobiliare non si limita a mostrare degli annunci, quella è solo una parte – seppur importante – del lavoro che dovrebbe fare un’agenzia immobiliare.

In questo articolo voglio mostrarti i motivi per cui, scelto un agente immobiliare valido, la scelta di vendere casa privatamente non sia così conveniente.

Questo articolo è utile sia per i venditori che per gli agenti immobiliari (dopo averlo letto capirai il perché).

1) VENDERE CASA È UN LAVORO (STRESSANTE)

“Aprono due porte e si prendono il 3%”

Questa è l’idea che molto spesso passa per la testa al venditore, sottovalutando di fatto tutto il lavoro che c’è dietro alla vendita di una casa.

Bisogna ad esempiofare ricerche di mercato, scattare le fotografie, scrivere gli annunci, pubblicare gli annunci sui portali e sul sito dell’agenzia, rispondere al telefono, qualificare gli acquirenti, fare gli appuntamenti, far vedere l’immobile, negoziare e tante altre cose.

Come se non bastasse, molte di queste attività, vengono fatte diverse volte prima che si arrivi alla vendita dell’immobile. Alcune di queste attività le vedremo nel dettaglio nei prossimi punti.

E poi, scremare le varie telefonate ed email per cercare di portare solo acquirenti qualificati a visitare l’immobile in vendita, da solo potrebbe bastare come motivo per non affidarsi al fai da te.

2) VALUTARE IL GIUSTO PREZZO E’ CRUCIALE

Uno dei motivi per cui molte case vengono “bruciate” e restano invendute è per via di una errata valutazione. Proprio per il fatto che l’offerta è ormai pubblica, gli acquirenti conoscono bene i prezzi di mercato e scarteranno a priori l’immobile non competitivi.

Difficilmente il proprietario dell’immobile sarà in grado di fare una valutazione corretta per due motivi principali:

  • non è il suo lavoro (ci vuole un professionista)
  • è implicato emotivamente nell’affare

Gli agenti immobiliari professionali, oltre alla loro esperienza e conoscenza del mercato locale, hanno a disposizione strumenti e collaborazioni con professionisti specializzati in grado di fare una corretta stima dell’immobile.

Essendo dei professionisti poi, non saranno coinvolti emotivamente come potrebbe esserlo il proprietario della casa.

3) L’AGENZIA HA I CLIENTI

L’agenzia immobiliare tradizionale ha il vantaggio di lavorare sia con gli acquirenti che con i venditori, per cui – se lavora bene – è in grado di far incontrare la domanda e l’offerta, avendo una lista di potenziali acquirenti di cui conosce le specifiche esigenze.

Al contrario, cercando di vendere casa da soli, si partirebbe praticamente da zero, aggiungendo il fatto di doversi cimentare in un nuovo mestiere senza esperienza.

In questi casi, quante probabilità pensa di avere un privato di fare meglio di un professionista che tutti i giorni ha a che fare con metri quadri, certificazioni energetiche, antiriciclaggio, turisti immobiliari e presunti acquirenti?

 

4) L’AGENZIA COLLABORA CON LE ALTRE

Se l’agenzia collabora, vuol dire che ti sta potenzialmente mettendo in contatto con un mercato immobiliare più ampio, che va ben oltre gli annunci pubblicati sulla bacheca dell’agenzia.

Potenzialmente, l’agenzia che collabora ha accesso a più acquirenti rispetto all’agenzia che non collabora, questo dà al venditore il vantaggio di avere un unico interlocutore che si interfaccia con le altre agenzie in collaborazione per trovare più velocemente un acquirente.

5) L’AGENZIA NEGOZIA PER TE

Le trattative per la vendita di un immobile sono tutt’altro che facili, se non hai esperienza e non sai quello che stai facendo, rischi da un lato di svendere il tuo immobile, dall’altro di non venderlo per aver sbagliato a negoziare e, come detto prima, non è semplice negoziare per la vendita della propria casa in quanto c’è una implicazione emotiva difficile da gestire.

E’ necessario un esterno che in modo distaccato, freddo e professionale sia in grado di avere la giusta visione d’insieme e proporre le scelte più sensate.

Non dimentichiamo poi tutta la parte tecnico-burocratica relativa all’immobile e la stipula del contratto, queste sono cose che necessariamente richiedono un professionista competente.

6) CONOSCE IL MERCATO LOCALE

Ogni mercato immobiliare ha le sue dinamiche e l’immobile del venditore non è un’isola, la sua vendita dipende da come questo viene inserito nel contesto competitivo specifico.

Un agente immobiliare esperto vive l’evolversi delle situazioni, conosce il prezzo di vendita reale degli immobili in quel determinato quartiere, quasi sempre diverso da quello che trovi online appena pubblicato l’annuncio sui portali.

L’agente immobiliare che conosce il mercato vive giorno per giorno il suo territorio, e riesce ad avere una visione d’insieme che gli permette di fare scelte migliori, in modo da aumentare le possibilità che l’immobile si venda e che questo accada nel minor tempo possibile.

7) SI OCCUPA DEL MARKETING

Il marketing per la vendita di un immobile è un altro aspetto che difficilmente un privato può gestire a livello professionale.

Le agenzie immobiliari – soprattutto quelle che lavorano bene ed in esclusiva – offrono un piano di marketing immobiliare ai propri clienti venditori, che include la realizzazione di un servizio foto-video professionale, la scrittura di un annuncio persuasivo, la pubblicazione sui portali/sito agenzia, la realizzazione di campagne su Google Ads e Facebook Ads, servizi di home staging, telemarketing su potenziali acquirenti profilati ecc…

Oltre questo hanno a disposizione software e banche dati che gli consentono di velocizzare ed ottimizzare molte attività di marketing.

CONCLUSIONI

In una nazione con 60 milioni di C.T. viene facile pensare che ci si possa sostituire ad un professionista come l’agente immobiliare, tuttavia questo è un errore.

Come hai potuto vedere, c’è molto lavoro da sbrigare e questo lavoro va fatto bene (da un professionista). Ad esempio, ritardando la vendita di una casa anche di soli 6 mesi, le perdite potrebbero essere di diverse migliaia di euro (giusto per fare un esempio), per cui l’illusione di aver “risparmiato sulla provvigione”, si traduce in un costo, magari più alto della provvigione stessa.

Oppure potrebbero esserci delle problematiche legate all’immobile emerse solo dopo la vendita. Giusto per citare un paio di casistiche frequenti.

Ho scritto questo articolo sia per i venditori che vogliono un punto di vista da un “non agente immobiliare”, sia per gli agenti immobiliari con l’intento di esortarli a comunicare questi ed altri aspetti che fanno di loro una risorsa preziosa per chi ha bisogno di vendere ed acquistare un immobile.

Come dico sempre: uno dei problemi che danneggia la reputazione delle agenzie è la mancanza di comunicazione. Se si comunica solo attraverso gli annunci sui portali, diventa difficile far emergere i punti di cui sopra e, migliorare la percezione dell’agente immobiliare, diventa una strada in salita.

Ovviamente non è detto che tutte le agenzie rispettino questi 7 punti – come dicevo all’inizio dell’articolo ci sono professionisti bravi e meno bravi in tutti i settori – ma, nel caso in cui questi punti venissero rispettati, non ci sarebbe davvero motivo – tranne casi particolari – per vendere casa senza l’agenzia

fonte: QUI

Categories:

Lascia un commento

CHIAMA SUBITO